Privacy Policy
   
 

 
 
una_notte_sullaltipiano_immagine.jpg
MILITE IGNOTO + UNA NOTTE SULL'ALTIPIANO
milite_ignoto_banner.jpg
MILITE IGNOTO - QUINDICIDICIOTTO
prima_guerra_nuova_blu_banner.jpg
PRIMA GUERRA - QUATTORDICIDICIOTTO
banner_pitr.jpg
PITÙR
ligabue_banner.jpg
UN BÈS - ANTONIO LIGABUE
attofinale_bannerdef.jpg
ATTO FINALE - FLAUBERT
banner_cavalieri_blu.jpg
I CAVALIERI - ARISTOFANE CABARET
banner_diari_defblu.jpg
IL PAESE DEI DIARI
banner_odissea09.jpg
ODISSEA
cincali.jpg
ITALIANI CINCALI
turnata.jpg
LA TURNATA
progettocincali.jpg
PROGETTO CINCALI
banner_moliere_sito_blu.jpg
IL MISANTROPO - MOLIERE
 
 
 
una_notte_sullaltipiano_immagine.jpg
MILITE IGNOTO + UNA NOTTE SULL'ALTIPIANO Condividi su Facebook
SABATO 16 LUGLIO 2016 - MONTE ZEBIO, ASIAGO
In caso di maltempo l'evento sarà rinviato a domenica 17 luglio.

con la partecipazione degli allievi attori dell'Accademia Palcoscenico del Teatro Stabile del Veneto - Teatro Nazionale

Ascese e visite alle trincee a partire dalle 10 - Spettacolo ore 21

“Milite Ignoto” racconta il primo, vero momento di unità nazionale. È, infatti, nelle trincee di sangue e fango che gli “italiani” si sono conosciuti e ritrovati vicini per la prima volta: veneti e sardi, piemontesi e siciliani, pugliesi e lombardi accomunati dalla paura e dallo spaesamento acuito dalla babele di dialetti che risuonavano in quelle trincee. Per questo Mario Perrotta ha immaginato tutti i dialetti italiani uniti e mescolati in una lingua d’invenzione, una lingua che diventa carne viva e che regala allo spettacolo un suono sconosciuto ma poggiato sulle viscere profonde del nostro paese. Il pubblico sarà invitato a raggiungere i 1680 metri di Lunetta di Zebio per assistere allo spettacolo “Milite Ignoto” lì dove, plausibilmente, si svolge la vicenda di quel soldato dimenticato da tutti. Il percorso per raggiungere il sito sarà costellato da interventi di giovani attori, che apparendo e scomparendo tra gli alberi del bosco, daranno corpo e voce ai soldati di cento anni fa , alle loro partenze cariche di speranze, esaltazioni patriottiche e incoscienza di ciò che sarebbe accaduto. Il pubblico così, si troverà già immerso nei pensieri di quegli uomini e nell’aria tesa di quei luoghi in attesa che deflagri il conflitto.
Giunti in sommità, gli spettatori potranno raggiungere le trincee fortificate di Monte Zebio, per ascoltare altri brandelli di vita, lettere dal fronte, pagine di diari legate alle prime esperienze in trincea e al terribile impatto con la realtà del teatro di guerra.
Sarà la luce del giorno che va scemando a condurre il pubblico verso il declivio di Lunetta di Monte Zebio dove, nella sospensione dell’ultimo tramonto e con l’altopiano sullo sfondo, inizierà il soliloquio del Milite e delle cento lingue del suo vocabolario, tante quante sono le esistenze che porta dentro di sé.

I brani dei diari, conservati presso l’Archivio diaristico di Pieve Santo Stefano, sono tratti dal progetto “La grande guerra, i diari raccontano” a cura di Pier Vittorio Buffa e Nicola Maranesi espressonline.it/grandeguerra

Partecipazione su prenotazione

Due modalità di ascesa:
-Ascesa accompagnata dall'Associazione Guide Altopiano: Intero € 5.00 Ridotto fino ai 15 anni € 3.00. Parteze alle ore 10.00 - 11.00 - 13.30 - 14.30 - 15.30 - 16.30 (ascesa arricchita dalla visita naturalistica e storica delle guide. Prenotazione obbligatoria entro il 15 luglio.)
-Ascesa libera: biglietto unico € 1.00 con prenotazione obbligatoria.

Difficoltà escursione: media
Dislivello: 500 metri
Durata escursione: 2 ore e 30' circa
Età consigliata: a partire dai 10 anni
Possibilità di ristoro a Malga Zebio

Gli spettatori sono invitati a portare con se una torcia, una coperta/stuoino e a dotarsi di un abbigliamento da trekking o vestiario a più strati e di calzature adeguate ad escursioni in montagna.
Si consiglia anche di portare un berretto ed eventuali protezioni solari. La permanenza in quota (1700 metri) avverrà oltre il tramonto.
La discesa dal luogo di spettacolo sarà guidata.
E' prevista, a pagamento, una navetta fino alla Malga Zebio per chi non può percorrere tutto il percorso (max. 50 posti). Dalla Malga Zebio al luogo di spettacolo sarà comunque necessario percorrere una parte a piedi.

Parcheggi consigliati:
-Casa Sant'Antonio - Via Valgiardini, 151- Asiago (VI) - (30 posti auto)
-Casa Alpina Padre Pietro Uccelli – Via Valgiardini Asiago (VI) - (30 posti auto)
- Via Valmaddarello 88 - 36012 – Asiago (VI)


Evento realizzato da Permar Associazione Culturale e Comune di Asiago
con il sostegno di Fondazione Archivio Diaristico Nazionale / Teatro Stabile del Veneto - Teatro Nazionale / Opera Estate Festival / Regione del Veneto - Centenario Grande Guerra / Associazione Guide Altopiano / La Piccionaia - Centro di Produzione Teatrale / dueL

Evento realizzato anche mediante il finanziamento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e di Ales S.p.a.

Per info e prenotazioni:
Sportello Informazioni Turistiche Asiago
tel. 0424462221 / 3297096237
info@asiago.to


 
 
  HOME | SPETTACOLI | CALENDARIO | FOTO | RASSEGNA STAMPA | CURRICULUM | OLTREILTEATRO | CONTATTI